Perchè gli asini in Sicilia si chiamano scécchi?

Perchè gli asini in Sicilia si chiamano scécchi?

Si cunta e si ricunta ca curreva l’annu 827 d.C., i saracini avivanu pigghiatu ‘a Spagna e avennu ancora fami (pirchì si sapi ca l’appetitu veni manciannu) si jttaru a tummuni nel mar Tirrenu alla conquista ddà Sicilia.

1154 – Al Idrisi’s – “Tabula – Rogeriana” – La Sicilia

Arrivati nell’isola – ci vinni di calata – ci desiru di cozzu e di cuddaru ai bizantini tantu che ci dissunu: “Fuiri è virgogna ma è salvamentu di vita” e i bizantini squagghiarunu comu neve sull’Etna. Ora, siccomu avianu fattu a pizzudda tanti bizantini e autri cosi, i siciliani i taliavunu coll’occhi streusi, e u re saracinu Miramolino chiamò ssò figghia Nevara (ca era ‘a cunsigghiera ‘i famigghia) e si fici cunsigghiari. ‘A picciotta ci dissi ca si pigghiunu cchiù lapuna ccu ‘na rama ciuruta ca ccu ‘na vutti granni (chi picciotta!).

Sta principessa ci dava sti cunsigghi ‘o patri pirchì era ‘nnammurata di ‘nu beddu picciottu sicilianu e ‘u re, ascutannu sò figghia, ci pirmittìu ‘e siciliani di cuntinuari a travagghiari ‘a terra, d’accattari e vinniri roba, ma dovevano sempri sapiri che i patruna era iddi… i saracini!!! Ppi ‘stu mutivu nuddu doveva portare armi e soprattutto la popolazione nun puteva jiri a cavaddu.

I siciliani, ni vosinu centu dda’ Maiorca “Nè nuautri e mancu iddi” dissero, e ‘na notti chi ficiru? Avvilinarunu tutti l’abbeveratoi e tutti i cavaddi mureru!!!

Miramolino, cca’ testa cchiu’ dura dda petra lavica, fici arrivare dal nord Africa cavaddi e asini, ma duranti ‘na tempesta i navi cchè cavaddi affunnaru e arrivaru in Sicilia sulu l’asini.

A ‘stu puntu – aspetta un mumentu ca tu cuntu – l’arabi furunu custritti a cavalcare l’asini e i siciliani ‘i pigghiavanu ppò culu. “Gli sceicchi sugli asini!” gli sceicchi… e di ddu’ mumentu gli asini in Sicilia furono chiamati scecchi.

Stretta la foglia larga la via dite la vostra ca dissi la mia.

Versione italiana:

Correva l’anno 827 d.C, gli arabi, avevano già conquistato la Spagna con l’Andalusia ed avendo ancora sete di conquiste (perchè si sa che l’appetito vien mangiando…)  si gettarono a capofitto nel Tirreno portando la loro guerra santa (jihàd) in Sicilia (e non solo).

Quando gli arabi iniziarono la conquista della Sicilia i bizantini non ne furono molto entusiasti ma alla fine dovettero cedere.

Inizialmente, avendo trucidato un bel po’ di persone, i siciliani erano molto diffidenti nei loro confronti, ma pian pianino gli arabi si dimostrarono come una popolazione di grande tolleranza religiosa e civile.

Ma iniziamo la nostra leggenda….

Non avendo molta fiducia nei musulmani, i siciliani si guardavano bene dall’osannare i nuovi conquistatori. L’ostilità era così tanta che il re arabo Miramolino doveva fare qualcosa per evitare scontri. Uno dei suoi più grandi consiglieri era la figlia Nevara la quale era convinta che con la forza non si sarebbe ottenuto nulla poiché si prendono più api con un ramoscello fiorito che con una grossa botte di aceto. (Che donna!)

In realtà la principessina dava questi consigli al padre perché era innamorata di un giovane nobile siciliano (ovviamente bello. Tranne Polifemo e i ciclopi poi sono tutti belli nelle nostre storie), quindi la signorina voleva portare la pace e la saggezza per un doppio scopo.

Miramolino, ascoltando il consiglio della figlia, permise agli isolani di continuare a lavorare la terra e di commerciare, ma, per fare capire loro che gli arabi erano sempre quelli che avevano il potere proibì di portare armi e non potevano essere più alti di loro. Per questo motivo non volle che la popolazione siciliana montasse a cavallo.

Vada per le armi, che volendo, si possono anche nascondere, ma a cavallo ci si deve andare…

“Né noi, né loro!”

Una bella notte, offesi per l’affronto, i siciliani avvelenarono gli abbeveratoi e in pochissimo tempo morirono tutti i cavalli dell’isola.

Miramolino chiese quindi di fare arrivare delle navi piene di cavalli dal nord africa ma il destino volle che durante una tempesta le navi affondarono tranne una piena di asini.

A quel punto gli arabi furono costretti a cavalcare gli asini e l’immagine era talmente ridicola che i siciliani iniziarono a prenderli in giro.
Gli sceicchi sui somarelli!
Da qual momento in poi in dialetto gli asini vennero chiamati scecchi.

Re Miramolino dopo la figuraccia permise nuovamente a siciliani di poter montare a cavallo e di poter suonare le loro campane. Da questo momento in poi iniziò la pacifica convivenza tra i due popoli.

2015-05-08-2ia2qvOnabIsGeoY

English version:

The year was 827 AD, the Arabs had already conquered Spain with Andalusia and still having thirst for conquests (because you know that appetite comes with eating …they threw themselves headlong into the Tyrrhenian sea carrying their holy war (jihàd) in Sicily (and not only).

When the Arabs began the conquest of Sicily the Byzantines were not very enthusiastic but eventually had to yield.

Initially, having slaughtered quite a few people, the Sicilians were very wary of them, but slowly the Arabs proved to be a population of great religious and civil tolerance.

But let’s start our legend ….

Not having much faith in the Muslims, the Sicilians were careful not to deceive the new conquerors. The hostility was so much that the Arab king Miramolino had to do something to avoid clashes. One of her greatest advisors was her daughter Nevara, who was convinced that nothing would be achieved by force, since they take more bees with a flowering branch than with a large barrel of vinegar. (What a woman!)

In fact, the princess gave these advice to her father because she was in love with a young Sicilian noble (obviously beautiful, except Polyphemus and the Cyclops are all beautiful in our stories), so Miss wanted to bring peace and wisdom for a dual purpose.

Miramolino, listening to the advice of her daughter, allowed the islanders to continue to work the land and to trade, but, to make them understand that the Arabs were always those who had the power forbidden to carry weapons and could not be taller than them. For this reason he did not want the Sicilian population to mount on horseback.

Go for the weapons, which if desired, can also be hidden, but on horseback one must go …

“Neither us nor them!”

A beautiful night, offended by the affront, the Sicilians poisoned the troughs and in a very short time all the horses of the island died.

Miramolino then asked to bring ships full of horses from North Africa but fate decided that during a storm the ships sank except one full of donkeys.

At that point the Arabs were forced to ride the donkeys and the image was so ridiculous that the Sicilians began to make fun of them.

The sheikhs on the somarelles!

From which moment in the dialect the donkeys were called “scecchi”.

King Miramolino after the fool again allowed Sicilians to be able to mount on horseback and to be able to play their bells. From this moment on the peaceful coexistence between the two peoples began.

 

 

Precedente Grani Antichi Siciliani Successivo I 5 Papi Siciliani (quasi 6): la Sicilia ha dato alla Chiesa ben 5 Papi.

2 commenti su “Perchè gli asini in Sicilia si chiamano scécchi?

I commenti sono chiusi.