SICILIA TRA STORIA E MITO: “Le Terme di Montevago e la leggenda di Cinzio e Corinzia

Naiad1

Sembra di vederli, Cinzio e Corinzia, due giovani pastori della Valle dell’Hypsas (oggi valle del Belice).

Valle del Belice
Valle del Belice

Si dice che si incamminarono, risalendo dalla foce dell’Hypsas (fiume Belice), per cercarne l’origine, la Fonte Sacra. Si inerpicavano lungo il dolce pendio cosparso di ginestre, alberi di sommacco  e cardi selvatici, guidati forse più dallo scroscio, dal canto dell’acqua che scorre nascosta dalla vegetazione, invisibile agli occhi. Ed ecco che davanti a loro, ai piedi del monte, sgorga la sorgente: è calda, accogliente, forma nuvole di vapore, gorghi e zampilli, e l’aria è soffusa e umida, rende i contorni indistinti.

terre_sicane3-3

Certo, i due erano stati toccati dal divino, avevano compreso qualcosa che tutti andavano cercando troppo lontano. Secondo la leggenda, Cinzio e Corinzia, per anni, celebrarono presso questa fonte e in segreto i riti sacri alla dea Afrodite. Dopodichè rientravano ogni sera nella grotta che era divenuta la loro dimora. Piano piano, affidandosi al soprannaturale e animati da una sacra fiducia negli elementi della natura, scoprirono di essere diventati immortali. I loro corpi non invecchiavano, le loro vesti non si consumavano, la grotta continuava a proteggere loro e i loro averi dalle intemperie.

Quello che i due giovani pastori non avevano capito, immersi in quest’atmosfera soffusa, era che avevano scoperto uno dei siti termali più noti della Sicilia.

zona-termale

 

Forse non si diventa immortali, ma sono trascorsi molti secoli e la calda sorgente zampilla ancora donando salute e bellezza a quanti si immergono nelle sue acque. Oltretutto col passare del tempo e grazie agli studi scientifici in merito si è scoperto che la leggenda tanto inventata poi non è: l’acqua che vi scorre ha comprovate capacità terapeutiche ed estetiche (solo per nominarne alcune, cura con buoni esiti eczemi e acne, asme bronchiali e riniti allergiche).

DSCN1379

E poi la fonte è incastonata in una natura incontaminata, un luogo dove si ripetono gli stessi gesti da secoli, dove si condividono le medesime speranze, se non di guarigione, almeno di ritrovato relax, e di intesa con il fluire incessante del tempo.

04

Le terme godono di un’ubicazione particolare, al confine tra le province di Palermo, Agrigento e Trapani, nel cuore della Sicilia occidentale, nel territorio del comune di Montevago (vicino a quella città magica, toccata dalla grandiosità dei templi, che è Agrigento, l’antica Agrakas).

Mitoraj3

Accanto all’antica fonte si trova Acqua Pia, un moderno centro benessere dove intrattenersi per vacanze terapeutiche e rilassanti tutto l’anno.





Precedente SICILIA TRA STORIA E MITO: "Scilla e Cariddi Successivo EMANUELE NOTARBARTOLO: "...un delitto eccellente rimasto impunito"