“TERCIO VIEJO DE SICILIA”  

Tercio Viejo de Sicilia

 

Il Tercio di Sicilia (spagnolo : Tercio Viejo de Sicilia) è uno dei Tercios che furono creati da Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero .

Carlo V

Il 23 ottobre 1534, il re Carlo V emanò un decreto indirizzato al viceré di Napoli, ordinando che le forze di fanteria, all’epoca residenti in Sicilia, costituissero un terzo sotto i piedi di dodici compagnie. Avranno come nucleo quelle unità che hanno partecipato alla presa della Goleta, fino ad allora nelle mani dei Turchi 1535, la Terza di Sicilia è composta da 12 Compagnie (da 150 a 200 uomini ciascuna), divise per il loro armamento in arcerebusieri, coselet e picas.

Nel novembre del 1536 fu completata l’organizzazione del Terzo, aumentando il personale di 300 uomini per Compagnia.

Lo scopo di questo reggimento era proteggere i possedimenti spagnoli in Italia dagli attacchi nemici.

 

“Tercio Viejo de Sicilia”  dalla fondazione ai nostri giorni…

Il Tercio era di stanza in tutta la Sicilia e in Calabria.

Il nome include “viejo” (“vecchio”) perché è uno dei primi tre tercios creati e comprendeva originariamente 12 compagnie(ciascuna composta da 150-200 uomini).

Il battesimo di fuoco avvenne contro il pirata ottomano Khayr al-Dīn detto Barbarossa in Tunisia nel 1541, contro la Francia e il Belgio in Piemonte dal 1542 al 1544, dove i soldati del Terzo nuotano attraverso l’Elba, sotto il fuoco nemico, con le spade in bocca, per permettere il passaggio del fiume al resto dell’esercito.

Dal 1550 inizia una serie di campagne contro l’impero ottomano in diverse parti del mondo. Alcuni di loro vittoriosi, come l’assalto di Monastir e Ifriya nel 1550 e il sollievo a Malta nel 1565, e altri che finirono con la sconfitta, come il disastro di Gelves nel 1560 in cui il Tercio Viejo de Sicilia fu praticamente decimato, in cui perse la vita anche il suo maestro di campo D. Juan de Barahona.

Tutte queste azioni culminano nell’anno 1571 quando, prima delle pretese turche di conquistare Cipro, una formidabile lega formata dalle forze spagnole, siciliane, veneziane, genovesi  e papali che, al comando di D. Juan de Austria, partono dal porto di Messina in cerca della squadra navale turca, intercettandola e sconfiggendola in quella che verrà ricordata come la battaglia di Lepanto.

Andrea Vicentino – La battaglia di Lepanto

In questo evento, il Terzo di Sicilia, imbarcandosi sulle navi di D. Juan de Cardona, avanzò nell’avanguardia della flotta cristiana, esercitando un tale sforzo durante la battaglia che dei suoi cinquecento uomini, solo cinquanta rimasero in vita dopo la sconfitta dei Turchi.

Tra il 1571 e il 1588, il Terzo di Sicilia combatté nelle Fiandre contro il Duca di Orange nei siti di Mons e Harlem, in Tunisia contro i turchi e nella conquista del Portogallo, dove il Terzo partecipa alla presa di Yelbes, Olivenza , Setúbal e le fortezze di Lisbona nel 1580.

Nel 1588 inizia, sotto il regno di Felipe II, la campagna contro l’Inghilterra, dove le forze spagnole subiscono la terribile sconfitta dell’Invincible Armada. Il terzo di Sicilia, imbarcato sul galeone “San Mateo”, naufraga, con gravi perdite, dopo 6 ore di feroci combattimenti.

Durante il primo terzo del diciassettesimo secolo, corrispondente alla fine del regno di Filippo II e del principe Filippo III, la Sicilia è ora chiamata il “Fixed Tercio of Sicily”, poiché, nonostante partecipasse a diverse campagne contro i turchi e contro la Francia, è rimasto quasi costantemente a presidiare l’isola che gli ha dato il suo nome.

Nella seconda metà del secolo interviene nella guerra contro la Francia e contro le insurrezioni della Sardegna nel 1669 e Messina del 1673.

Nel 1705, il tercio fu ristrutturato in tre unità e due anni dopo fu trasformato in un reggimento di due battaglioni . Nel 1715 fu creato un altro battaglione con il resto dei reggimenti di “Africa”, “Vilches” ed “Ecija”, in seguito ribattezzato “Reggimento d’Africa”.

Due anni dopo, nel 1719, il sito inglese resistette alla Plaza de San Sebastián e, una volta terminato, passò dalla guarnigione a Pamplona, sebbene nel 1731 si trasferì a Ceuta.

Da quel momento in poi interviene nelle campagne d’Italia contro l’impero austriaco. Dopo il primo di loro, nel 1736, al rientro in Patria, il Reggimento subisce il secondo dei suoi naufragi, con grandi perdite umane e materiali. Dopo la guerra, il Reggimento d’Africa è ospitato a Barcellona. Nel 1752, si trasferì nelle Isole Baleari, tornando a Barcellona nel 1758 ea Cartagena nel 1761.

Per il resto di questo secolo, il reggimento africano interviene nella campagna contro il Portogallo nel 1762, nelle nostre colonie in America nel 1765, nella spedizione ad Algeri nel 1775 e nella difesa di Orano nel 1776.

Nel 1783 si imbarcò per Cartagena, da dove si trasferì dalla guarnigione a Madrid, si trasferì a Saragozza nel 1786 e nel 1790 nel territorio basco-navarrese, il primo battaglione fu la Plaza de Pamplona e il secondo quello di San Sebastián.

Successivamente passa di guarnigione a Zamora e Santander nel 1778; emerge dal terzo battaglione per salpare e rinforzare le truppe spagnole che si trovavano a Porto Rico. Alla fine dell’anno 1799 si trasferì in Galizia ed entrò come guarnigione a La Coruña.

È in questo anno in cui il reggimento subisce il suo terzo naufragio, il secondo battaglione, che è tornato a Corunna dopo una campagna contro gli inglesi; perde quasi tutti i suoi uomini in questa tragedia. Lo stesso accadde nel 1802, quando il terzo battaglione, di ritorno da Porto Rico, fu naufragato al largo delle coste della Galizia.

Nel 1808, all’inizio della Guerra d’Indipendenza, il terzo battaglione, che fu ospitato a San Sebastian, ricevette l’ordine di unirsi all’esercito di Napoleone, ma non permettendo al suo onore o al suo patriottismo di adempiere a un simile ordine, lasciò di nascosto San Sebastian e raggiunto, attraversando da un’estremità della penisola all’altra, unendosi agli altri battaglioni della Plaza de Algeciras.

Negli anni dal 1808 al 1813 interviene in diverse battaglie contro i francesi, con risultati diversi:

Battaglie di Bailen e Tudela 1808.

Uclés, Mora e Consuegra condivide il 1809.

Battaglie di Talavera e Ocaña 1810.

Battaglie di Chiclana e Sagunto 1811.

Capitolazione di Valencia 1811.

Combattimenti di Caracuel e Torralba 1812.

Già nell’anno 1813, le forze del Reggimento furono disseminate tra gli altri Corpi, riorganizzandosi due anni dopo e rimanendo fino all’anno 1822 a guarnigione in diversi luoghi dell’Africa e dell’Andalusia.

Interviene nella Prima Guerra Civile, entrando nella Battaglia di Huesca nel 1837 con il San Fernando Tie per un’azione in cui il Secondo Battaglione, attaccato al Secondo Reggimento della Guardia, resiste impassibile ai pesanti assalti dei carlisti, ottenendo così il riorganizzazione delle forze che erano state disseminate dopo un rapido ingresso in combattimento.

Nel 1860 partecipò alle battaglie di Tetouan e Wad-Ras, in cui, con una determinazione determinata, aiutò a superare l’ultimo disperato sforzo marocchino.

Negli anni della seconda guerra civile, il reggimento africano partecipa alle azioni di Puente la Reina, Montejurra e Velabieta nel 1873.

Nel 1893, il suo nome originale fu restaurato e prese il nome di “Reggimento di fanteria” Sicilia “n. 7” ( spagnolo : Regimiento de Infantería “Sicilia” n. 7 ). Nel 1922, il reggimento partecipò alla Rif War catturando Tazarut e Harcha . Nel maggio del 1931, un mese dopo la proclamazione della Seconda Repubblica spagnola, il reggimento fu convertito in un battaglione di montagna e fu inviato a Pamplona. Poco prima della guerra civile spagnola , nel 1936, cambiò più volte il nome in “Battaglione di montagna Sicilia n. 8” (in spagnolo : Batallón de Montaña Sicilia n.8

Negli anni successivi il reggimento modifica la sua organizzazione e denominazione fino al 1966, che è organizzato come il reggimento di fanteria montana della Sicilia n. 67, con due battaglioni, il battaglione di Legazpi a San Sebastian e il battaglione dei due punti a Irun.

Nel 1984, in occasione del 450 ° anniversario della sua fondazione, recupera la sua storica e gloriosa denominazione, definendosi il “Tercio Viejo Sicilia” Reggimento cacciatori di montagna n. 67.

 

Il 1 ° luglio 1996, il Reggimento entra a far parte della Forza di Difesa Mobilizable con la denominazione di Reggimento di fanteria leggera “Tercio Viejo Sicilia” n. 67.

Negli ultimi anni, le sue unità hanno partecipato a missioni internazionali in Bosnia Erzegovina , Libano , Kosovo , Iraq e Afghanistan.





Precedente 7 OTTOBRE 1571 - Il contributo eroico dei siciliani del Regno di Sicilia alla battaglia di Lepanto. Successivo 10 parole siciliane che dovresti conoscere prima di venire in Sicilia